Navigazione veloce
Dimensione Testo:   Carattere Standard  Carattere Medio  Carattere Grande
RICERCA  |   MAPPA SITO  |   LOGIN

informazioni utili



This is my Google PageRank



web uptime monitor service


Percorso


NORMATIVA; Innalzamento dei requisiti anagrafici delle lavoratrici dal 1/01/2010

icona documento Stampa il Contenuto Crea file pdf del Contenuto
Visto: 555

Nota operativa n. 50 del 07 ottobre 2009 - Art. 22/ter della legge 3 agosto 2009, n. 102 di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 - Gazzetta ufficiale del 4 agosto 2009, n. 179, S.O. - Innalzamento dei requisiti anagrafici delle lavoratrici


A decorrere dal 1° gennaio 2010 sono previsti nuovi requisiti anagraficiper la maturazione del diritto ad un trattamento pensionistico di vecchiaia per le lavoratrici iscritte alle forme esclusive dell’Assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità la vecchiaia e per le destinatarie di un sistema contributivo.
L’innalzamento dei requisiti anagrafici delle lavoratrici pubbliche è stato stabilito dall’art. 22 ter della legge 3 agosto 2009, n.102 di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78.

L’Inpdap, con la Nota operativa n. 50 del 7 ottobre 2009, ha fornito le prime indicazioni alle proprie sedi per l’applicazione della suddetta normativa, che individua, per l’anno 2010, il requisito anagrafico di 61 anni per accedere al pensionamento di vecchiaia che viene ulteriormente incrementato di un anno, a decorrere dal 1° gennaio 2012, nonché di un ulteriore anno per ogni biennio successivo, fino al raggiungimento dell’età di 65 anni, secondo la seguente tabella riassuntiva:

Anno Età anagrafica
2010 61
2012 62
2014 63
2016 64
2018 e oltre 65


Continua a valere la previgente normativa per le lavoratrici che abbiano maturato entro il 31 dicembre 2009 i requisiti di età e di anzianità contributiva previsti dalla normativa vigente prima della data di entrata in vigore della suddetta disposizione ai fini del diritto all’accesso al trattamento pensionistico di vecchiaia. Pertanto, tali dipendenti pubbliche conseguiranno il diritto alla prestazione pensionistica secondo la previgente normativa e potranno così richiedere all’ente di appartenenza la certificazione di tale diritto. Tale certificazione, precisa l’Inpdap, non è in alcun modo costitutiva del diritto, ma assume valore meramente dichiarativo dei requisiti anagrafici e contributivi utili a pensione.


Fonte: Tecnica della Scuola





Tema Grafico by iWebSolutions - partner e107 Italia